Questo sito utilizza i cookies e tecnologie simili solo a fini statistici e di sistema

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente ne accetta l'uso. Gli utenti registrati devono accettare i cookies

Promemoria_settimanale

Nessun evento

Istituto secondario di 1° grado "B. Guidobono"

 

Breve storia

Il 22 aprile 1963, nella sede di Savona corso Italia 3 , si riuniva in adunanza straordinaria il collegio dei docenti che, su proposta del Preside dichiarava, a maggioranza assoluta , l’intenzione di intitolare la Scuola a "Bartolomeo Guidobono" .Il Ministero della Pubblica Istruzione approvo’ la proposta e la rese definitiva con il D.M. 16-09-1963.



Bartolomeo Guidobono detto "il prete di Savona" nacque a Savona il 1654 e morì a Torino nel 1709. Figlio di un decoratore di ceramiche, inizialmente si dedicò alle lettere , poi seguì la carriera ecclesiastica. Attratto dalla pittura vi si dedicò con impegno. Si recò a Parma e a Venezia dove studiò l’opera del Correggio, dei veneziani e anche del Caravaggio. Tornato a Savona si dedicò alla decorazione di maioliche, quindi si volse alla pittura di tele e di affreschi. Lavorò per Gavotti , e a Genova ricevette commissioni dai Durazzo , Brignole, Centurione e da varie confraternite religiose. Intorno al 1680 fu chiamato a Torino alla corte del duca di Savoia dove operò fino alla morte. Le sue opere più note sono conservate a Genova: Palazzo Rosso e Palazzo Reale (Allegoria dell’estate e dell’autunno); A Savona: palazzo Gavotti e a Torino: Convento di San Francesco da Paola.

 


La scuola media Guidobono nel 1971 ebbe sede nell’attuale edificio sito in via Machiavelli. Nell’a.s.1986/87 ebbero l’avvio i corsi a tempo prolungato. Dall’a.s.1989/90 iniziò la sperimentazione musicale. L’aggregazione della scuola con la S.M.S." Clelia Corradini " data dall’a.s.1994/95. Dall'a.s. 1995/96 la scuola partecipò al progetto nazionale di sperimentazione MULTILAB

Nell'a.s. 1999/2000 furono istituiti corsi con settimana corta.

 

Modello organizzativo

 

Modello articolato su cinque giorni settimanali di sei ore e due intervalli;

Tutte le classi sono interessate alla personalizzazione del piano di studi (laboratori), alle lezioni individuali in casi determinati; a corsi opzionali che si effettuano con risorse organizzative, professionali e finanziarie diverse

Pertanto l’orario degli alunni consta di

h 30 quota obbligatoria in cinque giorni

ore 7,45-7,50 ingresso

ore 9,45-9,55 primo intervallo

ore 11,45-11,55 secondo intervallo

ore 13,50 uscita

 

FINALITA’ DEI LABORATORI

Il tempo opzionale tende a soddisfare liberamente attività che stimolano la motivazione, che hanno capacità di orientamento e che completano il curricolo.

E’ scelto prima dell’inizio anno per i laboratori ordinari o in tempi successivi quando le attività siano limitate nel tempo (laboratori di orientamento).Permette una libera espressione della personalità del singolo e l’esplorazione delle proprie attitudini ed inclinazioni con forte valenza orientativa.

La nostra è una Scuola Media ad indirizzo musicale.Nella scuola infatti, a partire dall'anno scolastico 2003/2004 , è attivo  l'insegnamento di quattro strumenti...

 

Istituto "Guidobono": orario provvisori per il 14 e 15 settembre

NB l'orario provvisorio riguarda solo i primi due giorni di scuola e solo la Scuola Secondaria di primo grado”B. Guidobono”,

vedi il file allegato

Allegati:
Scarica questo file (Orario 14 e 15 settembre.pdf)Orario 14 e 15 settembre.pdf[ ]27 Kb

Il defibrillatore donato dalla Croce Rossa di Savona

Pubblichiamo con un po' di ritardo l'articolo scritto da Edoardo Razzoli  II F, che relaziona dell'incontro avvenuto con il sig. Pera della Croce Rossa Italiana.

IL DEFIBRILLATORE - IL 112

Mercoledì 8 marzo è venuto a scuola il presidente dei volontari della Croce Rossa di Savona, signor Giorgio Pera, a donarci un defibrillatore.

Noi alunni ci siamo riuniti in Aula Magna, dove il signor Pera ci ha presentato questa macchina a noi sconosciuta.

Ci ha spiegato in modo semplice, ma chiaro, che il defibrillatore è un oggetto molto utile nei luoghi pubblici, poichè può salvare la vita a tante persone.

Si usa in caso di arresti cardiaci ed è importante adoperarlo entro i primi cinque minuti dopo l'arresto del cuore.

 A differenza dei defibrillatori visti nei film, questo è di nuova generazione ed è molto semplice da utilizzare per qualsiasi persona di età superiore agli otto anni.

Una volta acceso il defibrillatore, una voce registrata comincia a dare le indicazioni sul suo uso, come ad esempio: ”Premere il pulsante verde”, oppure: “Attaccare un cerotto sul petto ed uno sul fianco...”.

Il presidente della Croce Rossa ci ha anche parlato del 112.

È il nuovo numero che si deve utilizzare per un'emergenza di qualsiasi tipo:  per chiamare i pompieri, l' ambulanza, la polizia o i.  vigili. Adesso, grazie a questo importante dono, la nostra scuola ha uno strumento indispensabile per salvare vite umane.

Un grandissimo grazie al signor Pera e alla Croce Rossa Italiana.

Edoardo Razzoli  II F

Giornatata della memoria 2017

  In occasione della giornata della memoria, gli alunni delle terze hanno partecipato  alla visione del film "Remember" del regista Atom Egoyan. Questa attività fa parte di un progetto didattico organizzato in collaborazione con le "Officine Solimano" di Savona e interessa, con varie tematiche, tutte le classi dell'istituto Guidobono.

Giornata sulla neve gennaio 2017


  

Progetto educativo sci e natura. Il 24 gennaio 2017  un folto gruppo di alunni (circa 150), accompagnato dagli insegnanti, ha paretecipato  ad una attività ludico sportiva, sulle piste di Limone Piemonte, con la presenza di istruttori qualificati.

Clicca sull'immagine per vedere il video

Clicca quì per vedere altre foto